Facebook Linkedin YouTube Instagram

 

 

Password Dimenticata?


Mercoledì 12 Luglio 2023

Risparmiare risorse idriche: le buone pratiche da mettere in atto per contrastare la siccità

La siccità in Italia rappresenta un problema sempre più pressante, con conseguenze devastanti sull'ambiente, l'agricoltura, la salute e l'economia. Negli ultimi anni, il Paese ha affrontato periodi prolungati di scarsità di acqua, mettendo in evidenza la necessità di risolvere seriamente il tema dello spreco idrico.

La gravità della situazione può essere compresa attraverso alcuni dati particolarmente emblematici: secondo le ultime rilevazioni, l'Italia è uno dei Paesi europei più colpiti dalla scarsità di acqua. Nel 2022, il 67% del territorio italiano ha subito una grave siccità, con il 40% di esso classificato come "siccità eccezionale"; inoltre, in base agli ultimi rilevamenti della CIMA è risultata una diminuzione del 53% della neve sull’arco alpino e del 61% del bacino idrico del Po.

L'agricoltura è ovviamente uno dei settori più colpiti: nel 2022 si è infatti verificata una riduzione del 30% nella produzione di cereali a causa della mancanza di acqua con conseguenti problemi anche nella produzione di frutta e verdura.

Oltre all'agricoltura, la siccità ha impatto anche sulla salute e sull'ambiente. Le riserve idriche, in costante diminuzione, comportano una maggiore concentrazione di inquinanti nell'acqua, mettendo a rischio la salute delle persone diventando anche un rischio mortale per la fauna e la flora marina.

Un altro aspetto critico è lo spreco d'acqua domestico che aggrava ulteriormente la situazione: in Italia ogni anno si spreca una quantità significativa di acqua potabile, con un consumo medio pro capite giornaliero di circa 200 litri per famiglia, quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda un consumo massimo di 100 litri al giorno. Per questo motivo è fondamentale ridurre lo spreco d'acqua.

Da Airbank, ecco cinque consigli pratici - validi sia per i cittadini che per le aziende - per fare la propria parte e risparmiare risorse idriche.

• Ripara le perdite: controlla regolarmente tubature, rubinetti e sanitari per individuare eventuali perdite d'acqua e riparale prontamente.

• Riduci l'uso dell'acqua durante le pulizie: utilizza secchi d'acqua o mop a secco per pulire i pavimenti invece di usare l'acqua corrente in modo continuo.

• Raccogli l'acqua piovana: utilizza sistemi di raccolta dell'acqua piovana per irrigare le piante o per altre attività domestiche non potabili.

• Utilizza elettrodomestici efficienti: scegli elettrodomestici come lavatrici e lavastoviglie a basso consumo idrico.

• Sensibilizza e informa: diffondi informazioni sull'importanza del risparmio idrico, sensibilizzando familiari, amici e colleghi sull'adozione di comportamenti responsabili e sostenibili per la gestione dell'acqua.

• Utilizzare prodotti eco-friendly che non inquinino le falde acquifere o che non richiedano l’utilizzo di acqua. Le aziende ad esempio possono scegliere Waterless, prodotto sviluppato da Airbank: un liquido 100% ecologico e biodegradabile che non richiede l’utilizzo d’acqua ma solamente di un panno umido in microfibra.  

Affrontare la siccità e ridurre lo spreco d'acqua richiede un impegno collettivo e individuale. Solo attraverso sforzi congiunti possiamo preservare questa risorsa preziosa e garantire un futuro sostenibile per l'Italia e per il pianeta.

0 COMMENTI

INVIA
Nessun messaggio presente

Accedi