Cookies help provide a better service for you. By using our services, you agree to our use of cookies. For further information, learn more here. I agree, continue.

 

 

Forgot Password?


Venerdì 22 Ottobre 2021

Sversamenti, in Artico i batteri possono aiutare contro petrolio e gasolio

I batteri presenti nelle gelide acque dell’Artico sono in grado di biodegradare petrolio e gasolio. È quanto emerso in uno studio pubblicato in agosto su Applied and Environmental Microbiology, “Biodegradation of diesel and crude oil by Labrador Sea cold adapted microbial communities” di Sean M.C. Murphy, Maria Bautista, Margaret Cramm e Casey Hubert. Il sequenziamento genomico di una serie di batteri che si trovano nelle acque dell’Artico canadese ha infatti rivelato un potenziale inaspettato per il biorisanamento da idrocarburi.

Si tratta in particolare di Paraperlucidibaca, Cycloclasticus e Zhongshania, tre tipi di batteri che vivono nel Mare del Labrador e che sono capaci di scomporre i combustibili fossili presenti e di conseguenza ad aiutare a ripulire l’oceano.

Lo studio è nato da una vera e propria esigenza locale: Sean Murphy, tra i coautori dello studio, ha infatti notato come da una parte le attività offshore del settore petrolifero nel Labrador canadese in continua crescita stessero portando vantaggi economici alle popolazioni costiere, dall’altra rappresentassero un enorme rischio di inquinamento per l’ecosistema e la popolazione stessa, come accaduto e dimostrato in passato in altri luoghi, ad esempio nel 2010 con il disastro della piattaforma Deepwater Horizon. Si rendeva quindi sempre più urgente capire in che modo l’ecosistema locale avrebbe potuto affrontare una fuoriuscita di carburante.

Per capire da vicino l’attività di questi batteri, i ricercatori hanno svolto per diverse settimane degli esperimenti pratici, simulando la bonifica di una fuoriuscita di petrolio all’interno di alcuni contenitori con batteri ed elementi nutritivi, fango, fondo marino, acqua di mare, diesel o petrolio greggio. Gli esperimenti sono stati svolti a una temperatura di 4°C, la stessa delle acque del mare del Labrador, e sono durati diverse settimane. I risultati sono stati positivi, facendo ben sperare su ulteriori sviluppi e dimostrando il potenziale dei batteri naturali nell’essere i primi soccorritori della natura a una fuoriuscita di petrolio.

In generale, in caso di sversamenti di sostanze e liquidi pericolosi è importante intervenire tempestivamente utilizzando strumenti adatti, così da ridurre drasticamente i rischi per l’uomo e per l’ambiente, sia in acqua che a terra. Anche per questo Airbank da sempre è in prima linea per supportare grandi e piccole aziende con prodotti innovativi e con kit di pronto intervento antisversamento realizzati e sviluppati insieme al Team Ricerca & Sviluppo.

0 COMMENTI

INVIA
Nessun messaggio presente

Accedi