In questo sito utilizziamo i cookie, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per maggiori informazioni clicca qui oppure chiudi.
ENG
Facebook Linkedin Twitter YouTube Instagram

 

 

Password Dimenticata?


NEWS AIRBANK

Contenimento sostanze pericolose: le soluzioni per evitare inquinamento e infiltrazioni

Venerdì 06 Aprile 2018



Permettere lo stoccaggio di sostanze pericolose in spazi esterni, da una parte proteggendo le falde acquifere in caso di incidenti e dall’altra evitando che l’acqua piovana entri nelle vasche: con questo obiettivo Airbank, azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ha creato nuove vasche di contenimento e fusti dotate di tettoia e rialzo. “La pioggia accumulandosi può ridurre il volume della vasca, con il rischio di non rispettare il volume minimo indicato dalla normativa vigente per oli e per depositi di soluzioni idroalcoliche (delibera D.M. 392 16/5/1996 e D.M. 18/05/1995 27/7/1984)”, spiega Gloria Mazzoni, General Manager di Airbank.

Tra le soluzioni proposte da Airbank ci sono infatti le vasche realizzate in acciaio al carbonio allestito di rinforzi strutturali e saldature a filo continuo (MIG): la verifica della tenuta stagna delle vasche viene condotta tramite controlli non distruttivi eseguiti con liquidi penetranti. Gli armadi sono provvisti di griglie per areazione naturale e di una tettoia che impedisce all’acqua piovana di infiltrarsi. Le vasche sono disponibili in diverse misure, sia per una singola cisterna che per due.

Per lo stoccaggio di fusti in posizione verticale ed orizzontale o di cisternette, Airbank mette invece a disposizione scaffalature zincate ad incastro: si tratta di strutture modulari di elevata stabilità e di facile montaggio, dotate di vasca di raccolta sottostante. In più, i piani sono regolabili in altezza, così da permettere la realizzazione di soluzioni adattabili ad ogni esigenza. In caso di stoccaggi esterni, le scaffalature possono essere fornite anche con copertura totale in telo.

“Si tratta di prodotti in continua evoluzione, e che possono essere personalizzati a richiesta”, specifica Gloria Mazzoni. Lo stesso principio di personalizzazione e continuo miglioramento viene applicato da Airbank ai container per esterni dedicati allo stoccaggio delle sostanze pericolose. Dotati di serratura a chiave, i container di Airbank possono anche essere studiati per permettere la separazione di sostanze tra loro incompatibili e sono provvisti di griglie di aerazione e bacini di contenimento realizzati come da prescrizioni imposte D.M. del 18/05/1995.

Per esigenze semplici di stoccaggio, sono disponibili i container in acciaio grecato al carbonio, dotati di rinforzi interni: si tratta di strutture che possono essere movimentate tramite pallettizzazione inferiore o mediante strutture per il sollevamento con gru (golfari posti alla base de container). Per fornire un maggiore isolamento termico delle sostanze inserite nella struttura, Airbank ha invece prodotto container con pannelli coibentati in poliuretano. Per i casi in cui oltre all’isolamento termico è necessario garantire anche la resistenza al fuoco, è disponibile il container con pannelli coibentati REI/EI.